Diogene il Cane dalle "Vite e dottrine..." di Diogene Laerzio

«Mentre Platone discorreva delle Idee e usava i nomi della „tavolità” e della „tazzità”, Diogene obiettò: „Io Platone vedo sì una tavola e una tazza, ma, quanto alla „tavolità” e alla „tazzità”, non ne vedo in alcun modo”. E Platone rispose: „È logico, perché gli occhi con qui si vedono una tavola e una tazza li hai, mentre l’intelligenza con qui si contemplano l'”Idea di tavolo” e l'”Idea di tazza” non ce l’hai”. [Quando fu domandato a Platone: „che tipo di persona ti sembra Diogene?” rispose: „Un Socrate impazzito”. (…)
 Siccome Platone aveva dato questa definizione: „L’uomo è un animale bipede, sprovvisto di penne”, ed era stato approvato, Diogene allora, dopo avere spennato un gallo, lo portò nella Scuola e dichiarò: „Questo è l’uomo di Platone” Perciò alla definizione fu aggiunto anche questo requisito: „con le unghie larghe e piatte”. (…)
 Calpestando una volta i tapetti di Platone, che aveva invitato degli amici provenienti da Dionigi, spiegò: „Sto calpestando la vanagloria di Platone”; e Platone, in risposta: „Quanta boria, Diogene, lasci trapelare, pur cercando di sembrare privo di boria!” Altri, invece, dicono che Diogene abbia esclamato: „Sto calpestando la boria di Platone”, e che Platone abbia ribattuto: con un’altra boria Diogene”. (…)
 [Diogene] Una volta rimase per un po’ in piedi a prendere la pioggia e, mentre gli astanti lo compativano, Platone, che era lì presente, osservò: „Se volete compatirlo, andatevene via”, riferendosi alla sua vanagloria…»
dalle „Vite e dottrine…” di Diogene Laerzio

Dodaj komentarz

Twój adres email nie zostanie opublikowany. Pola, których wypełnienie jest wymagane, są oznaczone symbolem *